E mo scrivacciulate : issi sfoghi impennati.

Penna

Scrive hè un attu d’amore.
S’ellu ùn hè cusì, ùn ferma chè scrittura.

(Jean Cocteau)

Stu spaziu di scrittura si vole appena cum’è u compulu di i mo sfoghi impennati.

In prosa o in puesia ch’elli sianu, fruttu di u mo asgiu o di u mo laziu, di a mo stizza o di a mo gioia, di e mo angosce o di e mo speranze, di e mo paure o di u m’amore di a vita, sempre anu issa virtù di spannà mi l’esse.

Siate i ben’ venuti per e isse loche inchjustrate à passione, sperendu ch’è vo’ ci truverete un’ occasione di spassighjà vi la per l’andati di u piacè.

Bona lettura !

Cristofanu FILIPPI

Publicités